Archivio

Archivio Febbraio 2005

BIVONGI – VINCE ANCORA 4 A 2

7 Febbraio 2005 1 commento

L’U.S. BIVONGI-PAZZANO HA VINTO IERI 4 A 2.LE RETI SONO STATE SEGNATE: 2 DA FRANCO ERNESTO -1 DA TAVERNITI DOMENICO -1 DA GALLO DI PAZZANO
E’ SEMPRE PRIMA IN CLASSIFICA
MARIO MURDOLO
Riferimenti: BIVONGI VINCE 4 A 2

Categorie:Dilettanti Tag: , ,

BIVONGI -POESIA DEDICATA ALLA MAMMA NOSTRA

4 Febbraio 2005 Commenti chiusi


MAMMA NOSTRA, MADONNA BELLA
MAMMA NOSTRA, MADONNA BELLA
HAI NA FACCI LUCIENTI CUOMU NA STELLA
QUANDU VIEGNU A MATINA U TI VIIU ADA JIESI
MI GUARDI E MI PARRI TI DIMUSTRI CORTIESI
JIEU IN SILENZIU SIENTU E PURU TI RISPUNDU
NTA CHIDI MUMIENTI MI SIENTU U PATRUNI DO MUNDU
SI MERAVIJANU AGGIENTI CHI MI VIDANU NTA JIESI TRASIRA
A MATINA PRIESTU E TANTI VUOTI PURU A SIRA
ON SANNU PERO’ C’AVA NA VITA CHI AMMUCCIUNI E DI NASCUOSTU
JIEU E TIA TUTTI I MUMIENTI SIMI NZIEMI NTA STU BIELLU PUOSTU
E JIEU E TIA NI FREQUENTAMU SEMPA E NI VOLIMU BENA
E LANCIAMU MESSAGGI D’AMURI E DI SPERANZA CUOMU NA SIRENA
DICIENDU A TUTTI;FIMMANI,OMANI,VIECCHI E ZZITIEDI
CAMINATI AVANTI FUJIENDU E NON GUARDATI ARRIEDI
SEGUITI TUTTI A STRATA DA BONTà,DA PACI E DELL’AMURI
CANDILI APPICCICATI E PORTATI TANTI JURI
U PARADISU A TUTTI VUI STACIA ASPETTANDU
E DA MADONNA VìACCOJJIA SORRIDIENDU
ESTA FELICI E SODDISFATTA,CUNTENTA ED ORGOGOGLIOSA
ADU SIGNURI U NCI PRESENTA STA GIENTI TANTU GENEROSA
NU POPULU LAVURATURI,BRAVU,ONIESTU E FATIGATURI
CA DUVA JIU JIU SI SEPPA FARA GRANDI ONURI
E ACCUSSì SIA NTA L’AUSTRALIA CA NTA L’ARGENTINA
CU GRANDI SUDURI E SACRIFICI DA SIRA ADA MATINAFICIA CUOSI RANDA,CUOSI SOVRUMANI E TANTA RICCHEZZA.
E PE DUOMMU NCI MANCHI PURU TU MADONNA MIA
CRIIAU PURU DA’ U QUATRU E DA STATUA EDA BELLA MARI
E CUOMU A BIVUNGI,TUTTI L’ANNI FESTEGGIA A TIA.
BIVUNGISI MIEI SAPITI CHI VUOJIU U VI DICU?
SULU CU ON BOLA A MAMMA NOSTRA U PREGA E MU ONORA
NTO MPIERNU VACIA SIA IN TERRA CA QUANDU MORA
APPROFITTAMU E STU VIERU MIRACULU CHI DIO NI DETTA
U M’AVIMU STA MADONNA CHI MI DUNA A STRATA RETTA
ACCUSSI’ TUTTI QUANTI,QUANTU SIMU SEGUENDU U SUO SORRISU
ASSIEMI ADA MADONNA JAMU TUTTI QUANTI DARITTI MPARADISU.
MARIO MURDOLO
Riferimenti: MAMMA NOSTRA,, MADONNA BELLA

BIVONGI – 5 FEBBRAIO -2005 -FESTA DI MAMMA NOSTRA.

4 Febbraio 2005 Commenti chiusi


POESIA- MAMMA NOSTRA TI PREGO
MAMMA NOSTRA,PER DUE VOLTE NELLO STESSO POSTO MI APPARISTI
MI TROVAVO A FOLLONICA,DORMIVO,ERA UN SOGNO O TU LI VENISTI?
MI LASCIASTI SOLTANTO UNA SENSAZIONE CELESTIALE,UNA DOLCE EMOZIONE
MI DOMANDO IL PERCHE’ E NON RIESCO A FARMI UNA RAGIONE.
MADONNA MIA CON ME HAI SEMPRE PARLATO SILENZIOSAMENTE
TI CAPISCO,TI ASCOLTO,LA TUA PAROLA GIUNGE AL MIO CUORE ED ALLA MENTE
FIN’ORA MI HAI AIUTATO DI TUA SPONTANEA INIZIATIVA E TI RINGRAZIO
MA ORA VOGLIO CHE TU TOLGA AD UNA FAMIGLIA TANTO STRAZIO
TU LO SAI,NON C’è BISOGNO CHE TE LO DICA L’HAI CAPITO
COME HAI FATTO IN ALTRI CASI A MENADITO
FAI FIORIRE QUEL FIORE,L’ACQUA NOI DAREMO PERCHE’ POSSA GERMOGLIARE
TU SEI LA MAMMA DI TUTTI, NOI TI VOGLIAMO SEMPRE AMARE
TI PREGO,RITORNA UN’ALTRA VOLTA,APPARIMI STUPENDA,CELESTIALE,MERAVIGLIOSA
VIENI A CONFERMARMI LA TUA BONTA’, LO SO CHE LO FARAI,TU SEI MIRACOLOSA.
MARIO MURDOLO

Riferimenti: MAMMA NOSTRA TI PREGO

Quando tutti dormono

3 Febbraio 2005 Commenti chiusi

Quando tutti dormono

Quando tutti dormono
Ed anche tu dormi
Io sto con te.
Nessuno, finalmente disturba
I miei pensieri
Vagano in silenzio
Fino a raggiungere te
Credono di averti svegliata
E sognano noi due insieme
Nel silenzio della notte
Sotto la luna, le stelle
Che felici corriamo
A raggiungere mete proibite
Sogni irrealizzabili
Speranze mai perdute.
No, non finirò di amarti
Sei sempre nel mio cuore
Bellissima tu sei
Dall?animo gentile
Rimani ancora un attimo
No,ti prego, non andare via
Tu mi appartieni adesso
Sei per sempre solo mia.
Mario Murdolo

Riferimenti: QUANDO TUTTI DORMONO

Categorie:Argomenti vari Tag: , ,

QUANTE SPINE

2 Febbraio 2005 Commenti chiusi

QUANTE SPINE

QUANTE SPINE IN QUESTO MONDO ORRENDO
POCHE ROSE,MARGHERITA COSA STIAMO FACENDO
DOV?E? ANDATA A FINIRE LA RAGIONE
CHE DOVEVA ESSERE DEGLI UOMINI, DELLE PERSONE
NON RIUSCIAMO A DOMINARE LA NATURA
CERTO CHE SI RIBELLA, CONTROLLARLA E? MOLTO DURA
ABBIAMO COSTRUITO UN RAPPORTO DISUMANO
TRA IL CREATO, L?UOMO, MOLTO STRANO
CATACLISMI, TERREMOTI,BUFERE ALLUVIONI
CHE OGNI GIORNO FANNO VITTIME A MILIONI
POI SI AGGIUNGONO LE GUERRE E LE DISTRUZIONI
CHE ARRECANO AL GENERE UMANO PIU? DEVASTAZIONI
VIVIAMO IN UN MONDO BLINDATO
NON E? PIU? LIBERO COME DIO L?AVEVA CREATO
SE NON APRIAMO GLI OCCHI E SUBITO INTERVENIRE
IL MONDO E GLI UOMINI PRESTO VEDREMO PERIRE
IN UNA TRAGICA ED INCONCEPIBILE AUTODISTRUZIONECHE PECCATO PERO?: NON USARE ALMENO UNA VOLTA LA RAGIONE!
DIO DISSE:TU O UOMO IL MONDO DEVI DOMINARE
PRATICANDO IL BENE E DOPO PROCREARE
PERO? L?UOMO NON ASCOLTO? QUESTE PAROLE
E PER LE CONSEGUENZE OGNI GIORNO SE NE DUOLE
EGLI HA PERSO IL CONTROLLO DELLA SITUAZIONE
SCEGLIENDO LA DURA STRADA DELLA PERDIZIONE.
RITORNIAMO ALLORA AI VALORI DELLA SOLIDARIETA?AIUTIAMO I BISOGNOSI E GLI SFORTUNATI, E? QUESTA CIVILTA?
RICORDIAMOCI CHE IN TUTTI NOI BATTE FORTE FORTE UN CUORE
ED ABBIAMO L?OBBLIGO ED IL DOVERE DI COSTRUIRE UN MONDO DìAMORE.

Riferimenti: QUANTE SPINE

Categorie:Argomenti vari Tag: ,

LA NEVE

2 Febbraio 2005 Commenti chiusi

La neve

Oggi che gelida giornata
La montagna è tutta imbiancata
La neve allegria dei bambini
Copre gli alberi, han freddo gli uccellini
Da noi la neve viene raramente
Con grande meraviglia della gente
Beati quelli che sanno sciare
E nella Sila il week and vanno a fare
Con gli sci, tavole e slittini
Giocano i grandi come bambini
Tra una caduta e l?altra velocemente
Salgono e scendono, com?è divertente!
Papà e mamma con i loro piccini
Si divertono un sacco, sono carini.
Evviva la neve quando non crea interruzione
Ma solo di gioia e spasso diventa occasione.

Bivongi, 2 febbraio 2005

Mario Murdolo

Riferimenti: LA NEVE

Categorie:Argomenti vari Tag:

Da Monasterace l’Associazione Aical comunica:

1 Febbraio 2005 1 commento

Tracciabilità e Rintracciabilità
Ecco i termini da conoscere.
? Tracciabilità: il termine indica il percorso da monte a valle, la possibilità di seguire il processo produttivo dalle materie prime fino al prodotto finito (nel caso della carne, dal mangime alla bistecca che compriamo al supermercato).
? Rintracciabilità significa avere la possibilità di ripercorrere il processo produttivo a ritroso, da valle a monte, in pratica dal prodotto finito all?origine della materia prima (dalla carne che arriva in tavola all?allevamento). Ovviamente non si può rintracciare il percorso del prodotto, se prima non è stato tracciato.
Qual è l?obiettivo della rintracciabilità?
La rintracciabilità è uno strumento importante per la sicurezza alimentare. Dà la sicurezza che, in caso di un?emergenza di carattere sanitario o di una frode, si possa risalire immediatamente all?origine del problema e intervenire rapidamente in modo da limitare i danni. Seguire e registrare tutto il processo produttivo rende molto più difficili gli inganni e le frodi perché le responsabilità diventano più facilmente individuabili. E questo si traduce in trasparenza verso i consumatori.
Cosa comporta la Legge europea che renderà la rintracciabilità obbligatoria per tutte le aziende agroalimentari a partire dal primo gennaio 2005?
L?articolo 18 di questo regolamento riguarda tutti gli operatori del settore alimentare e dei mangimi. Che devono registrare ed essere in grado di individuare chi ha fornito loro un mangime, un alimento, un animale destinato alla produzione alimentare. In pratica da chi arriva il prodotto, l?ingrediente, l?alimento? Non solo. Devono anche essere in grado di individuare le imprese alle quali hanno fornito i loro prodotti. Insomma tutto ciò che entra ed esce dall?azienda. Ci sono settori in cui la rintracciabilità è già da tempo obbligatoria: in Europa, carne bovina, pesce e Ogm; in Italia, il latte (dal primo aprile 2004). La Aical fornisce manuali per le seguenti categorie: Conserve vegetali, conserve ittiche, insaccati, formaggi, mangimi, miele, olio di oliva, ortofrutta, pastificio, prodotti da forno, uova, vino.

Manuali, software e direttive presso:

AICAL Associazione per la tutela del prodotto e delle tradizioni tipiche

C.so della Repubblica, 224
89040 Monasterace (Rc)

Tel 0964.732888 – 339.5985772 Fax 0964.735879 mail info@aical.it
Sito web www.aical.it

Riferimenti: Tracciabilità e rintracciabilità

27 gennaio: giornata della memoria

1 Febbraio 2005 Commenti chiusi


Dal settimanale degli studenti Noi Magazine del 27/01/2005

Sognando la libertà
A sessanta anni da Auschwitz, nella Giornata della memoria, sentiamo il bisogno di ricordare il terribile sacrificio delle persone finite nel campo di sterminio.questo giorno, infatti, deve costituire un’occasione per riflettere sulle atrocità rappresentate dalla deportazione e dall’uccisione di milioni di ebrei nei lager nazisti. Riflettere non vuol dire, secondo me, ricordare solo quello che è accaduto tanti anni fa: è importante, infatti, abbattere i pregiudizi nei riguardi di chi è diverso, rispettare le differenze, aprirsi al dialogo, alla collaborazione e alla solidarietà. Ciò aiuta a crescere consapevoli delle diverse identità; i giovani rappresentano la speranza per un futuro libero dagli orrori di cui leggiamo dalle pagine di storia.E’ proprio nella scuola che siamo spinti ad esaminare le nostre paure ed inquietudini di fronte a fatti di cronaca che accadono continuamente. Le testimonianze che riguardano questo atroce capitolo della nostra storia recente, sono numerose e frequenti. Pagine di giornali, trasmissioni radiofoniche e dibattiti televisivi ci permettono di capire e riflettere su questi avvenimenti nel modo in cui i ragazzi della nostra età sanno fare. Non ho testimonianze di nomi importanti a cui riferirmi, ma alcune persone che hanno vissuto l’atmosfera teribile della guerra, mi hanno avvicinato molto a questo periodo storico, rendendo vivo in me l’interesse di aprrofondire della Shoah. Ho fatto una ricerca su qualche giornale cercando gli argomenti adatti alla mia età e mi sono serviti sia pure per discutere in classe sia per poter svolgere questo tema. Le sensazioni e le emozioni che queste pagine di storia suscitano in me sono numerose e molto profonde. A questo proposito voglio riportare le testimonianze di due bambine uscite dal campo di concentramento di Birkenau, dove il massacro e le atrocità hanno ucciso migliaia di uomini innocenti. Si tratta delle sorelle Bucci, che furono internate alla tenera età di 4 e 6 anni, strappate alla loro famiglia e con il rischio che potessero addirittura servire per degli esperimenti. Vivo è rimasto in loro il ricordo di Birkenau, dove le atrocità commesse nelle camere a gas mantiene acceso in loro l’orrore provato. Di fronte alla divisione e allo strazio che le deportazioni hanno determinato, la mia sensibilità mi fa sentire vicina con forte emozione a queste persone che hanno subito tante violenze e che sono state strappate ai loro affetti ed alla loro quotidianità. Facciamo in modo che questi fatti non siano più ripetibili e soprattutto che il sacrificio di tante vite umane non sia consumato inutilmente.Mi piace citare una frase tratta da un libro “Man darf sie nie verggessen”, che significa:”non possiamo dimenticarli”, e che puo’ giustificare la nostra partecipazione emotiva sempre viva di fronte a questo tema.
Alessandra Franco – III D media Roseto Marina – Istituto Comprensivo Montegiordano ( CS)